venerdì 23 marzo 2018

Pink Floyd, a maggio la ristampa di ‘Pulse’ in vinile.





Sarà disponibile dal prossimo 18 maggio una ristampa su vinile 180 grammi del pinkfloydiano “Pulse”, quadruplo album live datato 1995, riproposto in versione rimasterizzata dai nastri originali di James Guthrie, Joel Plante e Bernie Grundman. Del packaging della nuova edizione di sono occupati Aubrey Powell di Hipgnosis e Peter Curzon, che già lavorarono all’artwork originale del disco con Storm Thorgerson, co-fondatore di Hipgnosis.
Il cofanetto, da 4 LP, ha quattro diverse copertine interne e include un libro fotografico (52 pagine).


“Pulse”, così come uscì negli anni Novanta raccoglie le esibizioni del tour “Division Bell” del 1994 nel Regno Unito e in Europa della leggendaria band britannica. Nell’album, “The Dark Side of the Moon” è presente per intero nella sua versione live e un lato del disco è si concentra sulla replica del concerto.
Ecco la tracklist degli LP:
LP1 Side One
Shine On You Crazy Diamond (Parts 1-5, 7)
Astronomy Domine
What Do You Want From Me
LP1 Side Two
Learning To Fly
Keep Talking
Coming Back To Life
LP2 Side One
Hey You
A Great Day For Freedom
Sorrow
LP2 Side Two
High Hopes
Another Brick In The Wall (Part Two)
One Of These Days
LP3 Side One
The Dark Side Of The Moon
Speak To Me
Breathe (In The Air)
On The Run
Time
LP3 Side Two
The Great Gig In The Sky
Money
LP4 Side One
Us And Them
Any Colour You Like
Brain Damage
Eclipse
LP4 Side Two
Encores
Wish You Were Here
Comfortably Numb
Run Like Hell


domenica 18 marzo 2018

Libri. Korn Brian "Head" Welch: in uscita il libro "Salvami da Me Stesso"






Esce il 21 marzo anche nelle librerie italiane la storia diBrian ‘Head’ Welch storico componente e fondatore deiKorn, che si racconta in una scottante autobiografia edita da Chinaski Edizioni e intitolata “Salvami da Me Stesso”.
Nel febbraio 2005, più di diecimila persone a Bakersfield, in California, assistettero al battesimo e alla conversione in Cristo di Head, fino ad allora chitarrista del controverso gruppo rock dei Korn e persona devastata da una pesantissima dipendenza dalla metanfetamina.
“Ho ricevuto l’amore di Dio che poi ho trasmesso anche a mia figlia, e mi ha cambiato! Il mio cuore e cambiato. Il mio sogno era diventato realtà, molto più di quanto avessi mai sognato. Voglio dire, avevo tutto: denaro, suonavo nei più grossi eventi, possedevo case e automobili. Ho provato tutto, il sesso, le droghe, ogni tipo di cosa pur di provare piacere in questa vita. Credevo davvero di poter colmare il
mio vuoto con tutto questo, ma non e andata così. Il mio sogno di bambino, sfondare con la musica, era divenuto realtà, tutto si era realizzato ma ciò non aveva riempito la mia vita! Solo Cristo l’ha fatto.”

In questa coraggiosa autobiografia, a lungo fra i libri più venduti in America, Head racconta gli anni tumultuosi con i Korn, il successo, le follie all’interno del gruppo, fra liti, follie e tensioni. E poi la scoperta della metanfetamina. Una dipendenza feroce che non si interrompe nemmeno con la nascita della figlia Jeanna, fra tentativi di riabilitazione falliti e ricadute sempre più pesanti finché il chitarrista, quasi per caso, non scopre la fede e trova così l’aiuto di Dio. Una folgorazione che lo porta in pochi mesi a risolvere i propri problemi, riscoprire l’amore per la vita e la voglia di fare musica. “Salvami da me stesso” non e soltanto un incredibile viaggio nel mondo di una delle rock band più celebri degli ultimi anni ma anche il percorso di una persona che ha saputo trovare se stesso in territori solitamente assai distanti dal mondo delle rockstar.

Nato a Bakersville, California, nel 1970, Brian Welch, in arte Head, e il chitarrista e fondatore della rock band dei Korn, con cui ha venduto oltre 30 milioni di dischi. Oggi Brian Welch e un padre che ha cresciuto con amore la propria figlia, una rockstar di fama mondiale, un filantropo che cerca di aiutare gli altri e, soprattutto, un uomo libero da qualsiasi dipendenza.




Spidi cerca riders avventurosi, pronti a viaggiare.


Chi è pronto ad affrontare un viaggio di almeno 1.500 km con la tuta 4Season potrà diventare ambassador del marchio veneto.




Da Spidi arriva un’interessante iniziativa per gli appassionati di mototurismo: il marchio veneto, infatti, ha lanciato una ricerca di riders per testare la tuta 4Season. Per provare a diventare Brand Ambassador di Spidi basterà intraprendere un viaggio in moto tra giugno e settembre di almeno 1.500 km che attraversi tre Paesi europei, compreso il proprio.
Chi ha in programma un viaggio per l’Europa ed è pronto a condividere la propria avventura in moto attraverso i social media, dunque, può richiedere al dealer Spidi della propria zona di testare il completo 4Season. Ogni dealer selezionerà un tester.
COME PARTECIPARE - Per partecipare all’iniziativa, il rider deve pianificare un viaggio di almeno 1.500 chilometri tra giugno e settembre attraverso tre Paesi (incluso il paese di partenza) e postare le foto del viaggio sulla propria pagina Instagram secondo le indicazioni ricevute; alla fine del viaggio il rider potrà conservare la tuta. Gli eventuali passeggeri potranno essere equipaggiati con lo stesso completo, acquistabile con il 30% di sconto.
Alla fine del 2018 chi pubblicherà le immagini di maggior successo verrà nominato Test Rider 2018 e diventerà ufficialmente uno Spidi Brand Ambassador avendo così la possibilità di vivere nuove avventure con il supporto di Spidi.
Le candidature vanno presentate entro il 25 maggio ai dealer SPIDI aderenti all'iniziativa o direttamente online.



LA TUTA 4SEASON – Gli ingegneri di Spidi l’hanno progettata per essere impermeabile ma al contempo fresca, per essere durevole, affidabile e resistente.
Il guscio esterno di 4Season è realizzato con poliammide con trattamento idrorepellente, in modo da ridurre l’assorbimento della pioggia e migliorare la resistenza a macchie e sporco. Sulle aree di maggiore impatto sono stati posizionati rinforzi in Tenax Extra, mentre il Flex Tenax offre facilità di movimento dove è maggiormente necessario. Per il comfort dei riders, la membrana rimovibile, impermeabile e traspirante H2Out mantiene il rider asciutto in caso di pioggia.
L'interno coibente Thermo Liner, anch'esso rimovibile, offre un clima caldo durante le uscite più fredde; può essere agganciato o al guscio esterno o alla membrana H2out oppure essere indossato indipendentemente come capo da tempo libero.
La tuta 4Season ha molteplici prese d’aria su petto, avambracci e schiena. Sono inoltre presenti molte tasche adibite al trasporto di fotocamere, obiettivi e strumenti per la realizzazione di scatti all’aperto.


Il kit completo per i grandi viaggiatori è composto dalla giacca Spidi 4Season H2Out e dai pantaloni 4Season H2Out, costituendo un’attrezzatura da touring.  L'equipaggiamento è disponibile anche nella versione Lady.



Metal. Jonathan Davis: rivela la data di uscita del suo disco solista e un possibile album di cover dei Korn.






A due mesi dall'uscita del singolo "What It Is", brano che compone la colonna sonora del film "American Satan", Jonathan Davis rivela finalmente la data di pubblicazione del suo nuovo album solista. 
In una recente intervista a "2 Hours With Matt Pinfield" il leader dei Korn ha detto: "Ho finito l'album la scorsa notte. Ci stavo ancora lavorando. Ho lavorato sul mixaggio di alcune canzoni fino a finire la scorsa notte. Oggi verrà mixato per intero e fine, fatto". La data ufficiale sembra essere fissata quindi per il 25 marzo

Sempre durante l'intervista, Davis ha rivelato un progetto interessante in ballo con i Korn, un album di cover: "Ne abbiamo alcune davvero belle. Lo faremo probabilmente... è stato un work in progress continuo per tanto tempo. Quando avevamo un po' di tempo libero, andavamo avanti e buttavamo giù un paio di canzoni. Un giorno questo album uscirà..."




sabato 17 marzo 2018

Neil Young: "Non c'è e non ci sarà nessun tour d’addio".



Neil Young non ha intenzione di smettere.





Durante una una recente intervista, non solo ha respinto l'idea di andare in pensione, ma sembra essere contrario all'idea di un tour di addio. "Quando andrò in pensione, la gente lo saprà, perché sarò morto e loro a quel punto sapranno che mi sarò ritirato".

Proprio ieri è uscito Paradox, un film scritto e diretto da Daryl Hannah e interpretato da YoungLukas e Micah Nelson. Il film sarà disponibile su Netflix a partire dal prossimo 23 Marzo, lo stesso giorno in cui uscirà anche la sua colonna sonora. 
La trama è incentrata su un gruppo di fuorilegge in fuga ed è descritta come una "fantasia, un poema forte e una favola stravagante avvolta da musica e amore". 
"Non abbiamo illusioni" spiega Young. "Questi siamo noi. Lo stiamo facendo per noi ed i fan. Non stiamo cercando di impressionare nessuno".




Concerti Thirty Seconds To Mars: la band in concerto a Roma improvvisa un duetto con Elisa





Si è appena conclusa la prima delle due date italiane -Roma e Bologna- che segnano il ritorno dei Thirty Seconds To Mars in Italia. 

La band di Jared Leto è infatti attualmente impegnata nel suo "Monolith Tour" che anticipa l'uscita del nuovo album previsto per i primi d'aprile.

Durante il concerto di questa sera al PalaLottomatica di Roma la band ha riservato ai suoi fan una bella sorpresa: su "Dangerous Night" Leto invita sul palco la cantante italiana Elisa, con la quale duetta il brano. 





Cagiva ritorna e sarà elettrica


L'elettrico ha molto potenziale mercato, è una scena su cui vogliamo essere presenti, e lo faremo con il marchio Cagiva", ha dichiarato Giovanni Castiglioni durante il lancio stampa della Brutale 800RR.





LA STORIA - Il marchio Cagiva si è affacciato sulla scena motociclistica italiana nel 1978, riscuotendo da subito un grande successo nelle gare su strada e fuoristrada. In particolare, si guadagnò una posizione di prestigio nel campo del motorsport negli anni 1990 e 1994, quando la Cagiva Elefant vinse il Rally Dakar.
Nel 1985, Cagiva acquistò la Ducati e produsse motocicli con il nome ‘Duc’, per poi acquistare i diritti anche di Moto Morini, Husqvarna e, nel 1991, MV Agusta. Quest’ultimo diventerà il marchio principale dopo la ristrutturazione della società, che ebbe luogo quando Cagiva vendette Ducati al Texas Pacific Group nel 1996.
Da allora, Cagiva è rimasta un marchio dormiente, nonostante MV Agusta detenga ancora marchi attivi in ??vari mercati per diversi nomi di modelli Cagiva come Mito, Elephant e SST.
LA SVOLTA ELETTRICA - Il 2019 potrebbe però essere un anno di svolta per il marchio Cagiva, che sembra intenzionato ad un ritorno sulla scena più moderna delle due ruote: la nuova Cagiva si propone infatti come un’incursione del marchio MV Agusta in un segmento che è stato attualmente esplorato solo da poche Case, come Alta e Zero: si progetta un tipo di veicolo elettrico a due ruote, a metà strada tra un e-bike e una vera e propria moto. Un progetto simile era già stato annunciato lo scorso anno da KTM, intenzionata a sviluppare un modello che coniugasse le e-bike del marchio austriaco e la nuova Freeride-E.
Castiglioni: “Moto divertenti e leggere” - “Credo nell'elettrico, penso che sia un segmento con molto potenziale”, ha dichiarato in un’intervista con Asphaltandrubber.it Giovanni Castiglioni, amministratore delegato di MV Agusta e nipote dell’omonimo Giovanni Castiglioni, fondatore di Cagiva. “Stiamo realizzando un progetto per spingerci anche in questo campo, e lo faremo sotto il marchio Cagiva. La famiglia di questi veicoli è ampia, si pone tra le biciclette e le moto tipo la Zero ma diverse… e comprende veicoli divertenti e leggeri, che nei prossimi anni promettono di rispondere in modo efficace alle richieste del mercato”, ha aggiunto Castiglioni.
Il risveglio del marchio italiano potrebbe essere un punto a favore per l’azienda MV Agusta Motor, che disporrà di due marchi attivi con la possibilità di attrarre l’attenzione dei concessionari e coprire due mercati distinti con una gamma di prezzi molto più ampia.
UN PROGETTO A SORPRESA - Per gli appassionati di Cagiva, questa notizia potrebbe essere l’occasione per vedere realizzato un nuovo modello Elefant, una moto fuoristrada sportiva con propulsori elettrici. Si potrebbe immaginare un veicolo al di sotto della classe 125cc a quattro tempi, sebbene alcune indiscrezioni affermino che Cagiva potrebbe essere rianimata come il complimento fuoristrada per l'offerta puramente stradale di MV Agusta.
MV Agusta non ha ancora fornito informazioni sul powertrain e sulla tecnologia della nuova Cagiva, che sicuramente non calcherà l’asfalto fino al 2019, ma nei prossimi mesi potrebbero essere rivelati ulteriori dettagli, prima dell’attesa presentazione dei prototipi durante la fiera EICMA, prevista nel mese di novembre 2018 a Milano.


Alternative Rock A Perfect Circle: James Iha non parteciperà al tour 2018




James Iha non prenderà parte alle date americane del tour 2018 degli A Perfect Circle: sarà infatti occupato in vista del tour estivo degli Smashing Pumpkins e dedicherà alla preparazione di quest'ultimo i mesi di aprile e maggio.

Gli show statunitensi della band cominceranno il 14 aprile, in preparazione all'uscita dell'ultimo album Eat the Elephant e vedranno in sostituzione di Iha il chitarrista dei FailureGreg Edwards.

"Vogliamo confermare che questa è solo una situazione temporanea" affermano gli APC"e James rimane parte del gruppo."

Secondo Guitar World comunque il gruppo avrebbe confermato che Iha non salirà con loro sul palco nemmeno per le date europee di giugno e luglio. 






UM Motorcycles: l’American Dream per i più giovani.


Il marchio di Miami approda in Italia. In anteprima a Roma Motodays sette moto americane, cruiser e off-road, tutte con motore da 125 cc




UM Motorcycles è un marchio relativamente giovane: nato negli Stati Uniti nei primi anni 2000 a Miami, in Florida, da un’idea della famiglia Villegas, si è esteso rapidamente con una rete globale di distribuzione che conta oltre 2.000 negozi in circa 30 Paesi, compresa l’Europa. Ora UM Motorcycles approda anche in Italia grazie a Alberto Carpinelli e alla UM Italia con una linea di prodotti progettata e realizzata appositamente per i rider più giovani.


Dal punto di vista pratico e dinamico, le innovazioni in termini di comfort e sicurezza sono ugualmente importanti e ogni modello UM Motorcycles testimonia questo impegno. Le selle ComfortGel, il tachimetro “intelligente” Service Alert System e il LED 360 Safety System - un sistema di luci laterali previsto sulla Renegade Sport S - sono alcuni dei “plus” previsti sui vari modelli UM Motorcycles.
Le moto - La serie Renegade importata nel nostro Paese è composta da un gruppo di quattro diverse Cruiser e Scrambler, tutte equipaggiate con un motore 125 cc monocilindrico: RenegadeCommando, Renegade Commando Classic, Renegade Sport S, Scrambler Renegade. Tutte Euro 4.
La serie Off-Road DSR “Dual Purpose” comprende tre modelli: una classica enduro (DSR EX), una supermotard (DSR SM) e una Adventure votata all’offroad (DSR Adventure TT).
Renegade Commando -  Ha un motore 4 valvole  raffreddato a liquido, abbinato ad una ciclistica degna di cubature ben maggiori, in puro stile USA. Accensione CDI, avviamento elettrico, trasmissione a catena e cambio a cinque rapporti. (€ 3.590,00 IVA inclusa)
Renegade Commando Classic -  Sull’anteriore ha una sospensione con forcella idraulica telescopia e doppio ammortizzatore idraulico con regolazione sul precarico al posteriore. La frenata è combinata con dischi da 280 mm e 220 mm. Avviamento elettrico. (€ 3.790,00 IVA inclusa)
Renegade Sport S - Forte di una meccanica collaudata si caratterizza per le linee pulite, classiche e le cromature lucenti che nascondono elementi innovativi in termini di tecnica e sicurezza quali il sistema di illuminazione LED a 360 gradi e gli specchietti retrovisori con “blindspot”. Avviamento elettrico, cambio a 5 rapporti. (€ 3.590,00 IVA inclusa)
Renegade Scrambler Classic -. Raffreddata a liquido, ha il cambio a 6 rapporti e avviamento elettrico. (€ 3.590,00 IVA incusa)
UM DSR 125 EX - Design made in USA, telaio snello e rigido. Le sospensioni - forcella telescopica idraulica a steli rovesciati sull’anteriore e mono ammortizzatore idraulico regolabile sul precarico al posteriore - promettono controllo su qualsiasi terreno. Cambio a 6 rapporti e avviamento elettrico. (€ 3.590,00 IVA inclusa)
DSR SM– Per una disciplina al limite tra cross e velocità, anima sportiva, 15 cavalli, ciclistica in alluminio. cerchi a raggi derivati dalle gare,  cambio a 6 rapporti, avviamento elettrico. Sospensione posteriore: mono ammortizzatore regolabile sul precarico. (€ 3.590,00 IVA inclusa)
DSR Adventure TT – Abbina l’indole della tourer ad un un carattere sportivo combinato con tecnologia e soluzioni all'avanguardia. (€ 3.790,00 IVA inclusa).


Recensioni: Stone Temple Pilots Stone Temple Pilots






Nostro malgrado, i nostri corpi gettano ombra, come ciò che facciamo ha conseguenze nel tempo che quasi mai sappiamo prevedere. Credo che i fratelli DeLeo abbiano pensato qualcosa del genere, decidendo di porre mano ancora una volta all'antico progetto, varando per la terza volta gli Stone Temple Pilots negli infidi mari del Ventunesimo secolo, che insieme al giubilo dei fan storici, ha portato loro frutti assai amari: i decessi a breve distanza dello storico singer Scott Weiland (2015) e del nuovo, benchè temporaneo sostituto, Chester Bennington (2017), che ha cantato in "High Rise", avrebbero scoraggiato chiunque non avesse il cuore ormai secco. Ma le apparenze spesso ingannano.





Così, ecco a voi "Stone Temple Pilots", un disco di classic rock (se l'alternative/grunge è ormai da considerarsi classic rock) che, senza rinnegare le origini e tradire la formula, emana classe ed energia. Determinanti, a nostro sentire, la professionalità e l'ispirazione del chitarrista Dean DeLeo, il quale regala alla band un suond inconfondibile, così come l'apporto del nuovo cantante Jeff Gutt che, raccogliendo una sfida non facile (ovvero prendere il posto di un frontman dal timbro così personale come Weiland, senza snaturarne né clonarne l'apporto), taglia con classe e personalità il traguardo, senza spingere la musica della band lontano da quello che sa fare meglio.




"Middle Of Nowhere" effettua una rilettura in chiave grunge di una struttura rock che più classic non si potrebbe, mentre il singolo apripista dell'album "Meadow", subito dopo l'incursione southern di "Guilty", presenta Jeff Gutt - ex talento di X Factor e del gruppo NU metal Dry Cell - ai seguaci del combo con un mid tempo accattivante e radiofonico che mette le cose in chiaro sulla versione 3.0 di sé stessi. Il metalrockblues "Just A Little Lie", lento come si faceva nei Nineties, è una leonessa che si sdraia di fronte a noi in attesa di divorarci; "Six Eight" oppone un'apertura e refrain degni dei Black Sabbath (e dei Black Crows) a strofe che navigano come farfalle psichedeliche i deserti marziani. "Thought She'd Be Mine" è una ballata sognante e volatile, emozionante nelle progressioni di chitarra, che si dichiara grunge senza troppe riserve, mentre "Roll Me Under", secondo singolo del disco, infuocata come un ferro da marchiatura nel suo incedere southern, si sostiene al pari di tutto l'album in equilibrio tra spasmo e decollo, ora carezzando ed ora schiaffeggiando le aspettative dell'ascoltatore. 




"Never Enough" sarebbe un blues schietto schietto appena corretto dalle terze maggiori del grunge, se il refrain non aprisse a una corsa verticale all'oro del cielo. Neppure il tempo di riaversi, che "The Art Of Letting Go" ci avvolge con la dolcezza della chitarra acustica e della calda voce di Gutt in un abbraccio Seventies da lasciarci con pantaloni a zampa, basettoni e boa di struzzo. "Finest Hour" abbacina con la meraviglia delle settime maggiori mentre "Good Shoes" corregge subito il tiro riportandoci a casa di zio Rock; "Reds & Blues", malinconica e autunnale, sigilla un disco dalla produzione ricca e potente che non intende stravolgere le coordinate che la band ha percorso nei suoi momenti migliori e si muove con gusto consueto nel sentiero tracciato dai recenti lavori.



 

Heavy Metal Tremonti: il nuovo album in uscita a giugno?






A circa un mese dall'annuncio del nuovo album, i Tremonti, capitanati dalla chitarra degli Alter Bridge, danno aggiornamenti dallo studio. 

Attraverso un post su Twitter, Mark Tremonti ha svelato di aver già terminato la fase di mixaggio dell'album e di essere quindi oramai pronti al mastering. Alla domanda di un fan su una possibile data di uscita di "A Dying Machine" - questo il nome del nuovo lavoro- il chirarrista ha risposto: "Ci proviamo per l'8 Giugno!"

L'album, il quarto della loro carriera, è il primo sotto l'etichetta Napalm Records





Festival Rock In Park 2018: tutti i dettagli della decima edizione





La direzione artistica del Rock In Park ama stupire e, anche quest'anno, proprio per la decima edizione del festival, si è prodigata nel mettere assieme una programmazione da urlo! Come ormai di consuetudine ci sarà una "data zero" che permetterà ai rockers frequentatori del Legend Club Milano di scaldare ugola e collo ond'evitare strappi per l'headbanging prolungato!!!
Quindi, buttate le corna al cielo... il festival alternative più amato dell'hinterland milanese sta tornando!!!







SAB 05.05.18 → € 5,00
waiting for Rock In Park 
BREATH OF NIBIRU
MIRRORMAZE
ALTHEA
RICERCADOS

VEN 11.05.18 → € 7,00 
MARIO RISO
THE STRIGAS
THE ELEMENTS
MARTIAN PATRIOTS

SAB 12.05.18 → € 25,00    
PHIL RUDD
DOBERMANN
RUN CHICKEN RUN       

DOM 13.05.18 → € 5,00    
THE LAST BAND
UNDER STATIC MOVEMENT
BROWBEAT  
THIS BROKEN MACHINE

GIO 17.05.18 → ingresso free
CELEB CAR CRASH
MADBOX
MEXICAN HEROES
VITREO

VEN 18.05.18 → € 15,00
CONFESS
+ GUEST         

SAB 19.05.18 → € 10,00    
PINO SCOTTO
SKW
HELL'S CROWS
ANOTHER FEEDBACK

DOM 20.05.18 → ingresso free
ELECTRIC BALLROOM
7 IRIS
EXCENTRIC DISEASE 





GIO 24.05.18 → ingresso free
DROPSHARD
WEISS BAND
FROZEN SAND
DIRAXY

VEN 25.05.18 → € 5,00    
IRON MAIS
FARTY WAYNE 
NO ONE'S PROJECT

SAB 26.05.18 → € 5,00    
HELL IN THE CLUB
LUCKY BASTARD
SEVERAL UNION
BLACKHOLEDREAM

DOM 27.05.18 → € 15,00    
CRAZY TOWN
HUMAN TORNADO
BREAK ME DOWN

MAR 29/05/18 → € 24,00    
BOULEVARD
SOUL SELLER
MINDFEELS
AIRBOUND

GIO 31.05.18 → ingresso free
GAMBARDELLAS
NAGA
UN GIORNO DI ORDINARIA FOLLIA
ONDARETRò

VEN 01.06.18 → ingresso free
SYK
FOREDAWN
SOUL VIBES
ENDGAME

SAB 02.06.18 → € 5,00    
SUPERHORROR
17 CRASH
MY CITY ROOM
DELUDED BY LESBIANS

DOM 03.06.18 → ingresso free
REACTION 
DEEP AS OCEAN
CRUENTATOR
DECLAPIDE

GIO 07.06.18 → ingresso free
DEATHLESS LEGACY
MECHANICAL GOD CREATION
KANTICA

VEN 08.06.18 → € 8,00    
ELECTROCUTION
BLACK RAGE
INSIGHT
SINATRAS

SAB 09.06.18 → € 8,00    
ELVENKING
TREWA
ATLAS PAIN

DOM 10.06.18 → ingresso free
PAOLO MARTELLA from QUARTIERE LATINO
AMORS
Mr. KNOW IT ALL
NICE

GIO 14.06.18 → ingresso free
SHE WAS NOTHING
REBIRTH OF ENORA
CODENAME DELIRIOUS

VEN 15.06.18 → € 15,00    
UNREAL CITY
IL BACIO DELLA MEDUSA
TRIO

SAB 16.06.18 → € 5,00    
ANEWRAGE
GHOST MANTRA
MISANTROPHIA
CHECKMATE

DOM 17.06.18 → € 25,00    
SUFFOCATION
+ GUEST





Le date dal respiro internazionale alle quali non potete assolutamente mancare sono quelle di Phil Rudd, Crazy Town e dei Suffocation, tra i massimi esponenti death metal assieme ai Cannibal Corpse. Per quanto riguarda le band tricolore vi invitiamo ai concerti degli Electrocution e degli Elvenking, saranno serate memorabili!
Segnate nelle vostre agende anche il Rock My Life Festival che presenterà il Rock In Park, per la prima volta, in versione Open Air, nella suggestiva cornice della Cava di Roselle, a Grosseto, i prossimi 13, 14 e 15 Luglio.